Cosa fare a Modena

Modena è una delle mete perfette, che racchiude tutte le perle che il patrimonio italiano può offrire: arte, tradizione culinaria, musica e storia! Non a caso, si tratta di una delle mete preferite dai visitatori di tutto il mondo.

Le preziose collezioni d’arte

Forse non tutti sanno che la Galleria Nazionale di Modena è una delle più antiche e anche più importanti del nostro Paese. È proprio qui che sono conservate le opere della famiglia degli Este, gli storici duchi della città. Essa raccoglie un enorme patrimonio artistico, suddiviso in quatto saloni e sedici sale: quadri, sculture in marmo e terracotta, arti decorative, stampe e persino matrici xilografiche. In particolare, la collezione di monete da tutto il mondo vanta ben 40.000 pezzi, attestandosi come una delle raccolte più grandi d’Italia.

Un altro piccolo ma prezioso gioiello sono le sale del Palazzo Comunale di Modena, aperte al pubblico tutti i giorni e completamente gratuite. Il Palazzo, che è anche sede del Comune, si erge insieme alla sua secolare Torre dell’Orologio di fronte alla cosiddetta Preda Ringadora (“pietra dell’arringa”, in dialetto modenese). Si tratta di un pezzo di marmo lungo oltre 3 metri che in passato era usato come palcoscenico per gli oratori, ma anche per decretare sentenze legali. Oggi rappresenta invece uno degli spazi di aggregazione maggiori per i giovani della città, e anche un punto di riferimento per i turisti.

La tradizione musicale

Modena è stata la culla di tantissimi personaggi importanti per la storia culturale italiana, e tra tanti è proprio in questa città che è possibile visitare la Casa Museo di Luciano Pavarotti.  La villa mantiene ancora gli elementi architettonici voluti da “Big Luciano”, ed è immersa nelle campagne modenesi. Qui è possibile ammira tutti i cimeli di un grande personaggio della storia della musica, e rivivere i momenti salienti non solo della sua carriera ma anche della sua crescita professionale e personale.

A passeggio per il centro storico

L’Italia è universalmente riconosciuta come la patria del buon cibo, ed ogni viaggiatore che si rispetti non può dire di essere stato a Modena senza aver visitato anche il Mercato Albinelli. Inaugurato nel lontano 1931, il mercato è ad oggi riconosciuto come monumento di interesse storico nazionale. È inoltre dei simboli più importanti della tradizionale culinaria della città.

Nessun pasto è davvero completo senza l’aperitivo! Tra le strade centrali di via del Taglio, e Piazza della Pomposa, si incrociano deliziosi locali tipici. Tra tutti, spiccano sicuramente la Caffetteria Giusti, con vista sul Palazzo Ducale, e il Mon Cafè, dove provare un originalissimo cocktail personalizzato. Per un ambiente più particolare, invece, è assolutamente da provare lo Spaccio delle Carceri!

Il centro storico della città è poi il cuore pulsante da cui si diramano le Botteghe Storiche, la cui tradizione decennale e spesso secolare è stata riconosciuta anche dal Ministero della Cultura. Qui vivono e lavorano numerosi artigiani, che ogni giorno realizzano preziosi manufatti di vario genere, che rappresentano la tradizione di una cultura ormai centenaria e unica nel suo genere.

Abbiamo fretta di trovare altri eventi ...