Cosa fare a Prato

Situata a pochi km da Firenze, Prato è una città che negli ultimi anni si è evoluta in un centro culturale alternativo e particolarmente ricco.

Il centro storico

Il centro città non è molto distante dalla stazione del treno di Prato Porta al Serraglio, quindi facilmente raggiungibile da tutti i visitatori. La Piazza del Duomo si trova infatti a pochi minuti dalla stazione, e una volta qui è facile proseguire verso quello che i locali considerano il vero cuore della città: Palazzo Pretorio. L’intera città, ed in particolare il centro, è circondata dalle storiche mura, che culminano nel Castello dell’Imperatore e a Santa Maria delle Carceri.

Il Duomo

Anche Prato, come molte città che nei secoli sono state culla di cultura e culti religiosi, ospita un Duomo. Si tratta di un capolavoro di architettura romanica toscana, dl particolare colore verde, derivante dall’uso della pietra locale, il serpentino.

A differenza di altre basiliche, questo Duomo presenta un pulpito esterno, dedicato al culto della Sacra Cintola della Madonna. È qui che, periodicamente, la popolazione si riunisce per ammirare questa sacra reliquia. Quest’ultima, generalmente, è comunque esposta nella cappella del Duomo.

La tradizione culturale

Dopo una breve visita al Teatro Metastasio e un po’ di shopping nei mercatini della grande piazza Mercatale, è facile fare un tuffo nella cultura entrando nelle maestose sale del Museo di Palazzo Pretorio. Esso raccoglie maggiori informazioni riguardo il culto della Sacra Cintola, e diverse opere d’arte del Trecento e del Quattrocento. Lo stesso Palazzo rappresenta un’opera di inestimabile valore artistico, in quanto simbolo dell’architettura toscana medievale. Il Palazzo dispone anche di una terrazza, dalla quale si gode la vita su tutta la città.

La storia del Tessuto

Durante il Medioevo, la città di Prato conobbe un grande splendore commerciale grazie alla capacità dei suoi artigiani di lavorare i tessuti. Lungo il fiume Bisenzio, erano quindi disposte diverse botteghe. Oggi la tradizione di questi opifici è racchiusa nel Museo del Tessuto. Qui è possibile trovare varie ricostruzioni e attività didattiche dedicate alla filatura, alla tessitura e non solo. Si tratta di un vero e proprio viaggio nel Medioevo, che racconta la storia di una gloriosa attività commerciale e della sua tradizione.

Leccornie locali

Prato non è solo un florido centro artistico, ma anche la culla di deliziosi manicaretti. I Biscotti di Prato sono infatti famosi in tutto il mondo, e sono spesso associati ai cantuccini. La tradizione vuole che i migliori siano quelli sfornati dal Biscottificio Mattei, ma è possibile farne una scorpacciata anche presso il Forno Branchetti e la Pasticceria Mannori.

Un giro a Chinatown

Girando per Prato, ad un certo punto è possibile imbattersi in insegne in lingua cinese. Benvenuti a Chinatown! Il quartiere è particolarmente florido, ed è specializzato soprattutto nella vendita di tè, ma anche nella produzione di dolci. Immancabile quindi un giro culinario da Ravioli Liù, pasticceria specializzata proprio in ravioli al vapore. Sicuramente la presenza di questo quartiere rende il paesaggio più suggestivo, in quanto ben si sposa con l’architettura di una città di derivazione medioevale.

Eventi popolari a Prato

tutto
Abbiamo fretta di trovare altri eventi ...