Cosa fare a Reggio Emilia

Spesso ingiustamente sottovalutata, Reggio nell’Emilia è una città in realtà molto ricca di attrazioni. Ogni visitatore non potrà che innamorarsi dei suoi portici e delle sue piazze, che rappresentano il cuore della città.

Meravigliose piazze

Le piazze più antiche e affascinanti di Reggio Emilia sono sicuramente Piazza Prapomlini (affettuosamente chiamata piasa granda dagli emiliani) e la Piazza del Duomo. La prima ospita la magnifica Cattedrale, con il suo Battistero romanico, ma anche lo storico Palazzo Comunale. La seconda, come il nome suggerisce, è il teatro del Duomo di Reggio Emilia.

Decisamente molto particolare è la Piazza San Prospero, che rappresenta un piccolo gioiello d’altri tempi. Essa è completamente circondata da portici, che culminano nella torre della Basilica di San Prospero. La chiesa attira sempre molti turisti, poiché è un esempio ben conservato di architettura barocca emiliana, con i suoi sei leoni in marmo rosso.

Le chiese e la loro tradizione

Oltre al Duomo e alla Basilica di San Prospero, Reggio Emilia è teatro di tante altre chiese altrettanto meritevoli di una visita. Fra tutte, spicca sicuramente la Basilica della Ghiara, che gli abitanti sono abituati a chiamare Tempio della Beata Vergine della Ghiara. Essa sorge lungo il corso Garibaldi, che è, insieme a Via Emilia, una delle strade più importanti della città.

È su questi luoghi che la vita universitaria e notturna della città ha luogo, e dove è possibile trovare i ristoranti e le botteghe di artigianato più famose e apprezzate. Segue poi la chiesa di San Pietro, su cui svetta l’imponente cupola celeste di Polo Messori. Più piccola ma altrettanto bella è la chiesa di Santo Stefano, particolarmente legata alla storia dei templari e dei Cavalieri Ospitalieri di Malta, che la usarono come quartier generale per oltre sei secoli.

L’importanza del teatro

Reggio Emilia è una delle città italiane più legate alla tradizione teatrale. Proprio qui nacque una delle più grandi scuole di scenografi teatrali di grande talento, fortemente voluta dal principe Francesco d’Este. Tra i suoi personaggi più celebri è impossibile dimenticare proprio Ludovico Ariosto, che qui nacque nel XV secolo e a cui è dedicato un omonimo teatro. Non molto distante vi è il Teatro Comunale che, insieme al Teatro Cavallerizza, propone un ricco programma annuale di spettacoli e concerti di ogni tipo.

Il panorama culturale

Il florido panorama culturale di Reggio Emilia è costellato quindi di musei e gallerie d’arte di ogni tipo. Fra tutte spicca la Galleria Parmeggiani, che propone una vasta collezione d’arte con importanti pezzi di orologeria storica. Di particolare interesse artistico sono anche le opere attribuite a Van Eyck, come ad esempio il famoso trittico fiammingo. Lo stesso Palazzo Parmeggiani, che ospita la collezione, merita particolare interesse, per via della sua architettura gotico-rinascimentale.

Dopo una bella passeggiata nei Giardini Pubblici, di ispirazione neoclassica e ubicati lì dove anticamente sorgeva il Palazzo ducale, è possibile ammirare le antiche mura. È qui che spiccano molti dei palazzi storici della città, ovvero il Palazzo del Capitano del Popolo, i Palazzi civili e il Palazzo Scaruffi.

Abbiamo fretta di trovare altri eventi ...