Cosa fare a Vicenza

La città veneta è uno dei numerosi luoghi artistici del territorio del nord est, soprattutto grazie alle numerose opere architettoniche di Palladio, il più famoso artista vicentino. Inoltre, nel 1994, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco!

La città di Palladio

Andrea Palladio è stato uno degli architetti, e più in generale artista, che più hanno lasciato il segno nella costruzione della città veneta. Infatti, camminando tra le vie cittadine, si possono ammirare molto facilmente le sue opere, sparse su tutto il centro vicentino. Tra i monumenti palladiani troviamo principalmente la Basilica, in cui si può entrare per ammirare tutto il suo splendore, con la sua architettura quasi gotica a cui sono state aggiunte dall’artista le logge in pietra bianca. e anche per godere dell’ottima vista panoramica del centro città e delle sue piazze. Meravigliosa è anche la Loggia del Capitanio, finemente decorata e realizzata in pietra d’Istria. Ma Vicenza è anche una città da vivere all’esterno, passeggiando tra le vie e le strade della città, fermandosi a sorseggiare un buon vino in una delle piazze del centro, ammirando chiese e palazzi dalle facciate straordinarie, e magari infilarvi dentro Palazzo Chiericati, sempre ad opera di Palladio ed attuale sede del Museo Civico e Pinacoteca. Altra opera architettonica impossibile da mancare è il Teatro Olimpico, ultima opera del maestro e primo esempio di teatro moderno coperto.

Vicenza è inoltre una città circondata dai colli Berici in cui è possibile salire per ammirare la Basilica di Monte Berico, al cui interno sono conservate opere d’arte, tra cui anche Veronese. Prima dei colli, alle porta della città, fermatevi ad esplorare Villa Almerico-Capra o La Rotonda, una villa di campagna famosa per la sua particolare struttura che va ad incastonarsi perfettamente nella natura.

Escursioni e brindisi

Come dicevamo, Vicenza sorge ai piedi dei colli Berici da cui parte la pedemontana. È dunque quasi d’obbligo un’escursione su queste dolci colline completamente versi in cui è possibile isolarsi nella natura e deliziarsi con la vista perfetta sull’orizzonte. Per chi si sente più sportivo è possibile anche svolgere degli itinerari in moutain bike o nordic walking.

Naturalmente, di ritorno dalle escursioni, non potete mancare l’appuntamento a tavola con le prelibatezze della cucina vicentina tra cui troviamo al primo posto il baccalà alla vicentina, il tartufo nero dei Berici e i piselli di Lumignano. Ma non solo, grazie alle produzioni dell’area vicentina potrete degustare anche formaggi (come l’Asiago), la sopressa vicentina e l’asparago bianco di Bassano. Il tutto accompagnato da ottimi vini DOC e per finire una buona grappa!

Abbiamo fretta di trovare altri eventi ...